CapelloAlvento

Capello al vento, nuvole d'argento, di poco m'accontento!Sbandato al vento ondeggio di qua e di là in balìa dei miei pensieri asciutti e distratti che non vogliono raccogliersi e non voglio raccogliermi in una ciocca ordinata che odora di grasso, infiocchettata di rosa, falsamente pulita. Sono un capello al vento, un capello ribelle, che ama sentire il calore del sole sulla sua pelle. Un sole non filtrato da nuvole di false apparenze. Sono un capello, un capello al vento… Solo sciolto, son contento.

lunedì 21 dicembre 2015

Una poesia per Natale: "Babbo", Aldo Capitanio


https://facebook.com/aldo.capitanio.5“Babbo”


Come sarà il mio Natale?
Dove sarà il mio Natale?
Non sarà tutto così lo so
ma c'è anche questo.


Sei tu Babbo
che
ti copri gli occhi
e guardi
o forse sei solo
sei solo stanco
e senza slitta
senza regali 
o forse aspetti 
anche tu 

qualcuno che ti dica
vedrai che cambierà.


Questa è la prima opera che ho scelto tra quelle partecipanti all'iniziativa "Una poesia, un racconto per Natale de "Il Salotto dei Poeti", un po' malinconica, con uno sguardo disincantato sul futuro, ma senza chiudere totalmente le porte alla speranza... Nella fotografia un mulino fotografato da Aldo Capitanio, particolarmente caro al poeta.


https://facebook.com/aldo.capitanio.5Aldo Capitanio: ecco cosa dice di sè:

"54 anni da due su Facebook. Scrivo da quando ho imparato a scrivere e raccolgo tutto su quaderni che andranno tra qualche anno in discarica. Non ho mai pubblicato nulla in cartaceo, mi piacciono le foto i quadri e mi piace immedesimarmi nel fotografo  e nel pittore e mi chiedo il perché dello scatto, il perché di quel dipinto, mi chiedo cosa l'artista ha voluto comunicarmi con la sua arte. Ecco, niente di più niente di meno, solo tanta gioia quando riesco a sentire e a comunicare quello che ho dentro." 
Pagina Facebook: https://facebook.com/aldo.capitanio.5





Nessun commento:

Posta un commento